Cimici dei letti

Ordine: Eterotteri

Famiglia: Cimidae

 

Insetti con corpo appiattito in forma ovale, atteri (assenza di ali o ali atrofiche), predatori ed ematofagi (si nutrono cioè di sangue) su diversi ospiti come uccelli, uomo, pipistrelli e altri mammiferi.

Adulti lunghi 5 mm, di colore marrone rossastro che diventa porpora dopo il pasto, antenne ben sviluppate, occhi prominenti e semplici, tarsi con unghie che permettono di arrampicarsi ma non su superfici lisce.

Sono dotati di una struttura definita rostro idonea per bucare ed aspirare provvisto di una estremità sensoriale in grado di individuare il posto più conveniente per pungere. Si nutrono pungendo ma dopo la puntura non rimangono fissati sui loro ospiti.

È una specie lucifuga ossia attiva esclusivamente di notte e ha bisogno di alte temperature per compiere il ciclo vitale.

 

Vivono in media 4-6 mesi ma possono sopravvivere senza nutrirsi anche per un anno intero. Una femmina di cimice depone 1-5 uova al giorno fino a 500 nell’arco di tutta la vita; ogni uova si schiude in circa 9 giorni.

Le cimici da letto vengono trasportate passivamente nei vestiti o nei bagagli, nei mobili (anche il passaggio del mobilio nel mercato dell’usato è fonte di diffusione), nei libri e in altri oggetti utilizzati come fonte di rifugio, si ritrova facilmente in treni e camere di albergo.

La loro capacità di resistere molti mesi senza cibarsi aumenta le loro possibilità di sopravvivere durante i trasporti.

Qualsiasi cosa può essere infestata dalle cimici da letto!

La maggior parte delle infestazioni si trova nelle abitazioni generalmente nelle camere da letto.

Si nascondono nelle fessure e nelle fenditure per la maggior parte del tempo, uscendo di notte, di solito appena prima dell’alba, per cibarsi del sangue del loro ospite.

I loro nascondigli sono vicini al luogo in cui il loro ospite dorme come l’intelaiatura del letto o nel materasso, nel mobilio, dietro il battiscopa e la tappezzeria ovunque forniscano a questa creatura notturna un rifugio durante il giorno.

LE CIMICI DA LETTO non sono veicolo di malattia, non rivestono una particolare importanza in parassitologia se non per le reazioni allergiche che si possono manifestare dopo le punture, infestazioni massive e ripetute possono creare stress psicologico!

L'ASPETTO DEL TRATTAMENTO DELLE LESIONI E’ BENE CHE VENGA VALUTATO DAL MEDICO CURANTE. Solitamente vengono somministrati disinfettanti cutanei, antistaminici o cortisonici.

 

COSA NON FARE

L’infestazione da cimici da letto è una infestazione particolare per la quale fare qualcosa subito senza aver seguito i consigli di un esperto può solo aggravare la situazione propagandola nelle stanze vicine.

Quindi:

  • Non iniziare una disinfestazione “FAI DA TE” o con una ditta poco esperta, si corre il rischio di snidare le cimici e propagarle in altre stanze.

  • Non trasportare vestiti, mobili o altri oggetti in altre stanze.

  • Non buttare via il letto o il materasso

COSA SI CONSIGLIA DI FARE

INTERPELLARE SUBITO UNA DITTA DI DISINFESTAZIONI PROFESSIONALE DIFFIDANDO DI CHI VI PROMETTE UNA ERADICAZIONE VELOCE DEL PROBLEMA.

Debellare le cimici non è una azione che richiede poco tempo!

  • Svuotare di ogni cosa gli armadi e sigillare capi di abbigliamento in sacchi di plastica e lavarli in lavatrice a 60° o a secco. Stessa cosa per coperte e tende.

  • Liberare lo spazio sotto il letto

  • Far trattare la stanza dalla ditta specializzata.

 

Contattateci per un sopralluogo gratuito con una ispezione accurata degli ambienti infestati per rilevare l’estensione dell’infestazione. L’individuazione e l’accurato trattamento di tutti i nascondigli sono mansioni che richiedono esperienza e professionalità.

Per assistenza:

tel. 045 584824 - cell. 348 9357391

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. OK Voglio saperne di più